Il genere come determinante di salute. Lo sviluppo della Medicina di Genere per garantire equità e appropriatezza delle cure.
A cura del Ministero della Salute. Aprile 2016

Il concetto di “salute e medicina di genere” nasce dall’idea che le differenze fra i sessi in termini di salute non sono legate esclusivamente alle peculiarità derivanti dalla caratterizzazione biologica dell’individuo e dalla sua funzione riproduttiva. Con il termine “genere” si intende infatti una accezione più ampia delle “differenze” che include fattori ambientali, sociali, culturali e relazionali. La Medicina di Genere si pone pertanto come obiettivo quello di realizzare una condizione di “salute” ponendo l’attenzione non solo alla malattia in quanto tale, ma anche ai determinanti di salute a partire dagli stili di vita ( alcool, fumo, attività fisica, alimentazione, peso corporeo).

Il volume propone lo stato dell’arte delle Medicina di Genere in Italia, i suoi risvolti nella medicina generale e delle cure primarie, la definizione del concetto di genere, gli aspetti della prevenzione, le malattie croniche (cardiovascolari, psichiche, respiratorie, muscolo-scheletriche, endocrinologiche, metaboliche, immunitarie, oncologiche), i trapianti d’organo, i farmaci (terapia e genere).

Un importante capitolo è riservato alla ricerca biomedica (pre-clinica e clinica). Nelle conclusioni viene sottolineata l’importanza della rete italiana di collaborazione per il sostegno della Medicina di Genere, comprendente numerose istituzioni pubbliche e private oltre a molte associazioni scientifiche.

Allegati:
Scarica questo file (Genere_come_determinante_di_salute.pdf)Il genere come determinante di salute[Ministero della Salute]