Guida pratica per l'integrazione dei lavoratori anziani: esempi nell'ambito dei Paesi europei.
Stockholm, gennaio 2007 - A cura del Department of Work and Health del National Institute for Working Life in Sweden - Arbetslivs Rapport n. 2007:5

Vengono considerati i contributi della letteratura su gruppi di lavoratori anziani in Europa, sottolineando il declino legato all'età sia sul piano fisico che mentale e l'incremento dei costi sociali per l'assistenza necessaria per chi non è più in grado di proseguire l'attività lavorativa. Tali ragioni principali giustificano l'orientamento di unire gli sforzi per facilitare gli anziani nel proseguimento dell'impegno lavorativo: le stimolazioni e facilitazioni sono attualmente insufficienti, come confermato dagli studi svedesi, finlandesi, norvegesi, danesi e olandesi. Vengono successivamente descritte le azioni necessarie da potenziare (monitoraggio del trattamento medico/riabilitativo con training fisico e psichico, pianificazione delle carriere, incremento delle misure di protezione individuale e ambientale, riduzione dell'orario di lavoro, sospensione dei lavori notturni, formazione dei teams di lavoratori Senior correlata all'evoluzione tecnologica sul lavoro, specifico miglioramento dell'organizzazione del lavoro, adeguato supporto di management e di supervisione, stimolo alla motivazione fra i lavoratori Senior). Le conclusioni indicano la necessità di futuri studi per poter chiarire l'evoluzione di tali azioni e gli effetti di miglioramento delle condizioni di salute e di benessere dei lavoratori anziani.