Valutazione del rischio e soluzioni organizzative. Il punto di vista della Regione Lombardia. Convegno su “Invecchiamento della forza lavoro. Problematiche e soluzioni organizzative per le imprese”.
A cura della U.O. Prevenzione, Struttura Ambiente di Vita e di Lavoro – DG Welfare della Regione Lombardia e della Sezione di Medicina Preventiva dei Lavoratori della Sanità della SIMLII, Milano, 25 ottobre 2016

Nella parte introduttiva vengono forniti in tabelle e istogrammi i dati sulla speranza di vita alla nascita dei lavoratori della Lombardia, sui tassi di occupazione per classi di età in Lombardia, Italia e Europa e sugli infortuni e malattie professionali per classi di età in Lombardia negli anni 2004-2013.

Una corretta valutazione dei rischi occupazionali deve tener conto dell’età e dei cambiamenti delle capacità funzionali e dello stato di salute che subentrano con l’invecchiamento, con l’incremento delle non idoneità al lavoro degli operatori e relative conseguenze sull’organizzazione del lavoro nelle aziende.

La sorveglianza sanitaria contribuisce alla promozione di un invecchiamento attivo che consente la coesione sociale e una maggiore produttività.

Nella letteratura internazionale non viene evidenziata la collocazione del Medico Competente nel processo di Promozione della Salute: l’esperienza lombarda delle Unità Operative di Medicina del Lavoro negli ultimi anni è volta a porre attenzione sulla multidisciplinarietà che questo genere di interventi deve avere.