Relazione al Convegno "Strategie  e soluzioni per una migliore qualità della salute e sicurezza sul lavoro di donne e uomini". Milano, giugno 2007.

Dopo un inquadramento generale sulla "Società delle 24 ore", sull'organizzazione degli  orari  di  lavoro  e della flessibilità dei tempi di lavoro, l'articolo affronta una sintetica  ma  puntuale  analisi  delle  interferenze  fra  lavoro  a  turni  e  equilibrio psico-fisico,  performance lavorativa,  salute e vita familiare e sociale, valutando in particolare  i turni notturni  e  la perturbazione del  ritmo sonno-veglia,  gli aspetti tossicologici da alterazione dei cicli metabolici e le differenze di genere.
Di  seguito  si  forniscono  criteri  orientativi  per  una  migliore  organizzazione  dei turni (considerando l'adattamento biologico, la performance lavorativa, lo stato di salute e di  benessere, i  problemi  personali  e sociali) e una metodologia corretta volta ad introdurre o modificare uno schema di turnazione.
Infine si propongono misure compensative nei  confronti del  lavoro a turni, criteri per il controllo medico dei  turnisti e  si illustrano le disposizioni  legislative vigenti in Italia.

Giovanni Costa
Dipartimento di Medicina del Lavoro, Università di Milano

Allegati:
Scarica questo file (Costa-turni-2007.pdf)Scarica il documento[ ]